background
logotype

 

52 – I PRIMI GIORNI DI SACERDOZIO

 

La gioia del sacerdozio è piena. Il suo pensiero fisso correva alla santità. “Debbo esser santo perché loro, le anime, lo vogliono e io sono sacerdote per loro. Ogni mattina mi incontrerò con Gesù sull’altare: ditemi tante cose che mi mettano l’ansia della santità!” Ecco l’atmosfera che vive in quei primi giorni da sacerdote. Appare trasfigurato. Cerca il nascondimento, l’umiltà per essere solo con Gesù e gustare quei momenti. Ormai Gesù e le anime sono la sua vita, lui è con Cristo vittima che si offre.

Nei due mesi successivi all’ordinazione scrive solo due pensieri, anche se importanti, sul suo diario. Sfugge allo scrivere, ha il cuore troppo pieno per essere distratto e dissipato. É intento a portare la gioia del suo sacerdozio a tutti. “Sai, caro mio: attui alla lettera l’apostolato dell’incontro o ti sei fatto prete per fini egoistici. A costo di morire, bisogna essere gli integrali seguaci di Cristo amante e sofferente. Ripeto: a costo di morire!” (Diario spir. 25 ottobre 1949.

 E così avverrà.

2018  Don Antonio Spalatro   globbers joomla templates